Breve Spunto a partire dalla Parola di Dio del Giorno 25/05/2020

VANGELO Mt 9, 14-15
✠ Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. Si avvicinarono al Signore Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno».

Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Gesù pone questa domanda ai discepoli di Giovanni per far compiere loro un salto di qualità, aiutandoli a comprendere il senso pieno della sua venuta. E di conseguenza anche il significato della missione di Giovanni e della loro. Possono forse gli invitati a nozze essere
in lutto finché lo sposo è con loro? Il digiuno farisaico viene paragonato a chi è in lutto a un banchetto nuziale, a chi macchia la celebrazione di apertura alla vita nuova con pensieri di morte. Gesù non vuole dire che è inutile digiunare, ma come suggerisce nel Discorso della Montagna, un conto è digiunare per fede un altro è digiunare per apparenza. Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ecco, noi cristiani
possiamo ancora fingere che Gesù non sia risorto e vivo in mezzo a noi?

Invia un commento